Ultimi argomenti
» Cambio musica...
Lun Set 19, 2016 10:53 pm Da solenascente

» Incontro di oggi
Gio Set 01, 2016 8:16 pm Da solenascente

» Orrore a Parigi
Dom Nov 15, 2015 1:18 pm Da solenascente

» Una canzone
Ven Nov 13, 2015 11:09 pm Da solenascente

» PREGHIERA
Ven Dic 12, 2014 11:40 pm Da solenascente

» Fiori" particolari"
Ven Nov 14, 2014 8:45 pm Da solenascente

» PENSIERO DI OGGI
Gio Ott 09, 2014 12:02 am Da solenascente

» PITTORE IPERREALISTA PAOLO TAGLIAFERRO
Mar Ott 07, 2014 7:13 pm Da solenascente

» Ritmi esotici
Ven Mag 02, 2014 11:43 pm Da solenascente

Statistiche
Abbiamo 111 membri registrati
L'ultimo utente registrato è pittoreiperrealista81

I nostri membri hanno inviato un totale di 12193 messaggi in 1981 argomenti
Chi è in linea
In totale ci sono 1 utente in linea :: 0 Registrato, 0 Nascosti e 1 Ospite

Nessuno

[ Vedere la lista completa ]


Il numero massimo degli utenti in linea è stato 340 il Mer Giu 02, 2010 10:18 pm

Storia di S...

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Storia di S...

Messaggio  ladro_di_parole il Mer Set 02, 2009 12:38 pm



S... era così baffetti sottili, sguardo spiritato e una voce strascicante e nasale,orbitava sempre fra la piazza e le strette vie che conducevano alla sua macilenta abitazione.
Era nato povero, uno dei tanti figli che la madre aveva partorito e poi partiti per il mondo,ma lui era S....il problema in fondo,come lo sono tutti coloro che non hanno canoni normali, figli di una progenie sbagliata.
Era stato contadino, quando ancora le messi a Luglio si vestivano di giallo dorato e i campi risuonavano dei canti dei contadini che falciavano le spighe,che successivamente venivano affastellate e portate all'”aria” dove sarebbero state calpestate dai muli .
Il vento infine avrebbe, con il suo incidere, diviso il grano,dai residui vegetali.
Era il momento dell'anno,che culminava con il Ferragosto, festa che coincideva con la fine e l'inizio della nuova annata agraria.
Chissà quante volte S.. hai ripensato a quei momenti di fatica,a te non permettevano di mietere, la tua falce non era un spada contadina protesa al sole di Luglio a fendere con ampie sciabolate il grano maturo, tu eri l'uomo dei lavori umili, raccoglievi le fascine e portavi acqua nei bummuli di terracotta ai sudati contadini che tagliavano i campi come un mare giallo solcato da una squadra di navi .

Poi arrivava pian piano l'Autunno, venivi mandato come garzone a pascere gli animali,mentre il sole diventava tiepido e i boschi di Sicilia perdevano pian piano il loro verde trasformandosi in tappeto multicolore.
Ed infine l'Inverno e lì usciva la tua atavica paura, non della pioggia,quella era cosi' simile alle lacrime che da piccolo avevi versato, ma di quando giacciando e mutando forma diventava neve.
Avevi sempre avuto paura del generale inverno ammantato di bianco,che invadeva le montagne di Trinacria,per te figlio dell'Estate era aliena come quei film che sbirciavi aggrappato ai muri dell'arena durante la bella stagione.
I tempi cambiavano in fretta, come per magia cominciò mensilmente ad arrivarti un sussidio,con quello potevi vivere e poi c'era sempre quel buon prete, che ti mandava dei volontari a far le pulizie nella tua casa e spesso arrivando gioiosi ti portavano vestiti nuovi e camicie stirate,ti sentivi coccolato come non le eri mai stato nella tua vita.
Ma quando nevicava rimanevi sempre solo ed allora impaurito scappavi da casa e ti rifugiavi nell'ultimo circolo aperto,che era sempre il solito,quello sotto il municipio.
Avevi preso l'abitudine di andarci ogni giorno , tanti giovani scherzavano con te e come per magia ti stupivano mentre tiravano fuori dalle tue orecchie monetine da 100 lire che poi ti regalavano.
Ma quella notte la neve era ancora più alta,uscisti da casa in preda alla paura, il circolo era chiuso disperato volevi raggiungere il paese vicino, dove abitava tuo fratello, poi forse preso dallo sconforto ti fermasti sotto un ponte eri stanco S..,pian piano ti addormentasti per non svegliarti mai più.
Ti ritrovarono così,statua di ghiaccio, aggrappato alle tue ginocchia.
Quando arrivò il momento di andare verso la tua dimora definitiva, fu una gara fra tutti quei ragazzi per portarti a spalla ultimo dono ad un uomo che aveva lasciato un sorriso.

ladro_di_parole

Numero di messaggi : 72
Data d'iscrizione : 10.07.09
Età : 55

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: soria di S....

Messaggio  solenascente il Mer Set 02, 2009 5:52 pm

Oggi non sono in vena di commentare, ma ti assicuro è sempre un piacere leggere le tue storie.
Mi sono rilassata un pò sunny

solenascente

Numero di messaggi : 2098
Data d'iscrizione : 21.02.09
Età : 51

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Storia di S...

Messaggio  vuoi_parlare_con_me il Mer Set 02, 2009 6:09 pm

Merviglioso scritto di celebrazione di un uomo umile, poverissimo e vero! Ormai
Una figura che pare tratta da una novella del Pirandello...

Bellissimo il passaggio:

Ed infine l'Inverno e lì usciva la tua atavica paura, non della pioggia,quella era cosi' simile alle lacrime che da piccolo avevi versato, ma di quando giacciando e mutando forma diventava neve.

Ha ragione solenascente, non si deve commentare, ma solo GODERNE!

Baci gusto menta
Paola

vuoi_parlare_con_me

Numero di messaggi : 833
Data d'iscrizione : 18.02.09
Età : 45
Località : CREMONA

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Storia di S...

Messaggio  Contenuto sponsorizzato Oggi a 2:35 am


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum