Ultimi argomenti
» Cambio musica...
Lun Set 19, 2016 10:53 pm Da solenascente

» Incontro di oggi
Gio Set 01, 2016 8:16 pm Da solenascente

» Orrore a Parigi
Dom Nov 15, 2015 1:18 pm Da solenascente

» Una canzone
Ven Nov 13, 2015 11:09 pm Da solenascente

» PREGHIERA
Ven Dic 12, 2014 11:40 pm Da solenascente

» Fiori" particolari"
Ven Nov 14, 2014 8:45 pm Da solenascente

» PENSIERO DI OGGI
Gio Ott 09, 2014 12:02 am Da solenascente

» PITTORE IPERREALISTA PAOLO TAGLIAFERRO
Mar Ott 07, 2014 7:13 pm Da solenascente

» Ritmi esotici
Ven Mag 02, 2014 11:43 pm Da solenascente

Statistiche
Abbiamo 111 membri registrati
L'ultimo utente registrato è pittoreiperrealista81

I nostri membri hanno inviato un totale di 12193 messaggi in 1981 argomenti
Chi è in linea
In totale ci sono 4 utenti in linea: 0 Registrati, 0 Nascosti e 4 Ospiti

Nessuno

[ Vedere la lista completa ]


Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 340 il Mer Giu 02, 2010 10:18 pm

sesso orale e cancro alla bocca

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

sesso orale e cancro alla bocca

Messaggio  priscilla il Ven Ott 29, 2010 4:56 pm

Tumore alla bocca:
può causarlo il sesso orale

20 ottobre 2010 di Simona Marchetti03CommentiAggiungi un commentoPHOTO CORBIS IMAGESSesso orale e tumore alla bocca: un documentario che verrà trasmesso dalla BBC nei prossimi mesi rilancia la convinzione, già confermata da diversi studi, dell'esistenza di un collegamento fra tale pratica sessuale e il cancro orale, causato dalla trasmissione del Papilloma Virus umano (HPV) che, dopo fumo e alcool, sarebbe così la terza causa della malattia, conosciuta come "carcinoma a cellule squamose dell'orofaringe".

A dir poco allarmanti i dati resi noti dall'associazione "Cancer Research Uk" che hanno evidenziato come negli ultimi vent'anni l'incidenza di tale tipo di tumore abbia registrato un aumento del 50% negli uomini e del 3% nelle donne nei soli ultimi dodici mesi. Non solo. Secondo una ricerca del marzo scorso ad opera di un'equipe inglese ed americana e pubblicata sul "British Medical Journal", il rischio di sviluppare il cancro orofaringeo sarebbe aumentato del 25% nei soggetti che hanno alle spalle storie sessuali con sei o più partner, mentre il rischio triplica per chi è coinvolto in storie di sesso orale con quattro o più persone. «E' chiaro», ha commentato la dottoressa Lesley Walker, direttrice dell'associazione inglese - «che se si hanno tanti partner sessuali e si pratica il sesso orale, si hanno maggior possibilità di essere colpiti da questa malattia, indipendentemente dal fatto di essere uomini o donne».

«Bisogna comunque essere cauti », è il parere del professor Luciano Mariano, ginecologo oncologo dell'Istituto Regina Elena di Roma, «anche se è vero che sono in atto molte ricerche per verificare lo sviluppo del papilloma virus umano in molte neoplasie, come ad esempio quelle della bocca».

Stando ai dati della Fondazione Veronesi, i tumori a testa e collo sarebbero circa 640mila ogni anno (più di 6mila solo in Italia, con un tasso di mortalità a cinque anni di oltre il 70%) e i più colpiti sarebbero gli uomini fra i 50 e i 70 anni. «Questi numeri sono senz'altro preoccupanti», ha spiegato Alessandra Graziottin, direttore del centro di Ginecologia e Sessuologia medica del San Raffaele Resnati di Milano, «se non si fa sesso orale protetto. È stato, infatti, dimostrato che il 48% dei casi di tumore alla laringe potrebbe essere collegato proprio al Papilloma Virus umano. Ecco perché è necessario l'utilizzo del preservativo, come pure del vaccino, utile in questo caso a prevenire molte patologie genitali, che registrano il picco nella fascia 15-24 anni».

E proprio a proposito del vaccino, la dottoressa Graziottin ha di recente pubblicato uno studio che fa il punto della situazione a due anni dalla sua introduzione. «Il vaccino è di due tipi: bivalente (ossia, protegge contro l'HPV 16 e 18, responsabili del 70% dei carcinomi del collo dell'utero) e quadrivalente (oltre al 16 e al 18, protegge anche contro il 6 e l'11). In entrambi i casi ha, però, solo una funzione preventiva: in altre parole, agisce solo se l'organismo non è ancora entrato in contatto con l'HPV di quei ceppi. Oltre al cancro dell'utero, l'HPV causa anche patologie non tumorali ma molto diffuse, come ad esempio le lesioni di basso grado al collo dell'utero e i condilomi genitali. Gli HPV oncogeni causano, invece, lesioni cellulari evolutive che possono essere definite come "l'anticamera" del tumore, tra cui le lesioni precancerose al collo dell'utero, alla vulva, alla vagina, all'ano e al cavo orofaringeo. Oltre al cancro invasivo del collo dell'utero, i Papillomavirus causano altri tumori, che si localizzano su vulva, vagina, ano, pene e cavo orofaringeo, quando le lesioni precancerose progrediscono, iniziando l'invasione vascolare
[img][/img]
avatar
priscilla

Numero di messaggi : 1209
Data d'iscrizione : 23.05.09
Età : 41
Località : torino

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum